Cultura

Nel  814 a.c.. i Fenici fondano Cartagine, che presto diventa una della città più ricche e potenti dell’antico Mediterraneo. Dopo le guerre Puniche passa sotto la conquista  Romana : Cartagine viene distrutta  ed il territorio cartaginese divenne Provincia Africa, la prima colonia romana al di là del Mediterraneo.

1.    Crocevia di tutte le civiltà del Mediterraneo  ed erede di Cartagine, la Tunisia ha conosciuto numerosi momenti di gloria e prosperità : provincia romana ricca e influente, emirato arabo fiorente, cuore del vasta regno  Magrebino degli Almohadi, e provincia ottomana.  E questa storia ricca e variegata ha lasciato un’importante e ricco patrimonio artistico e islamico : uno dei maggiori musei archeologici del mondo, monumenti antichi di primo piano, la prima Moschea del Magreb, Medine tra le meglio conservate nel mono arabo e sette siti e monumenti ascritti a Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.
Caratteristici dell’arte del periodo Romano sono i magnifici mosaici con raffigurazioni reali e fedeli della vita quotidiana, interpretata in infinite sfumature cromatiche.
Eredità delle mille battaglie e conquiste, sono le molte fortificazioni risalenti a epoche diverse: fortini bizantini  nell’interno , ribat e kasbah lungo le coste e Ksour nel sud del paese.
L’influenza Andalusa, seguita all’avanzata cristiana, si sente soprattutto nelle ceramiche , che si sono arricchite sia nelle tecniche sia nei motivi.
Dalla dinastia degli Husseinidi, di origine turca, vengono invece i bei minareti a base ottogonale, come pure le nuove decorazioni di palazzi e ville con motivi di bouquet di fiori.
La tradizione araba si fa sentire nelle Medine : nel cuore della città, la grande Moschea è collegata alle porte della città  e circondata da souk, caratterizzati da stradine spesso tortuose dedicate alle varie attività artigianali e commerciali.
A Tunisi molte sono le ricche dimore tradizionali, spesso trasformate in musei, che rivelano i diversi stili architettonici pieni di fascino delle varie epoche ed influenze.